venerdì 22 maggio 2015

BRISE' AI CARCIOFI CON LARDO DI CINTA E UN INVITO DA EATALY CON MOULINEX!!!






Beh credevo le avventure fossero finite per questo maggio ormai volto al termine, ma come al solito la vita riesce sempre a sorprendermi!

Direi che, a questo giro ho avuto un po' paura, non è stata una sorpresa interessante, ma l'ho scampata e questo basta…ora vi racconto tutto!!
Martedì mattina leggendo FB le mie amiche bloggalline hanno fatto un appello a noi Bloggalline Toscane, informando che Moulinex aveva organizzato una sfida da Eataly e 3 concorrenti avevano disdetto all'ultimo minuto, per cui ci invitavano a partecipare. Ho chiamato mia sorella per sapere se Elide stava meglio, perché, della serie non facciamoci mancare nulla, si è beccata anche la mononucleosi all'asilo quest'anno, ma la febbre per fortuna era passata così sarebbe tornata a lavoro e io sarei potuta andare da Eataly!!!
Ok ho dato la mia conferma. 
Il pomeriggio mi ha chiamata Francesca, la responsabile evento per spiegarmi un po' di cosa si trattasse e il giorno dopo mi son diretta a prendere il tram per andare a Firenze, dopo una diatriba interiore tram o treno, tram o treno; alla fine ho optato per tram perché passa a due passi da qui, invece per prendere il treno devo fare 15 minuti di macchina se non c'è traffico sennò anche di più.
Ed ecco che la mia vocina interiore mi dice "ci sono 3 tram, perché vuoi andare là 1 ora prima, prendi il tram delle 13:45" ma io non l'ho ascoltata, pensando che, anche se stava diluviando, sarei potuta andare a farmi un giro prima di andare all'appuntamento e comunque io sono così, cerco sempre di arrivare meglio 1 ora prima che 10 minuti dopo!!! 
Sono un po' esaurita in questo senso, ma sono così, l'opposto di mio marito, che arriva sempre minimo 10 minuti dopo!!! 
Va beh a parte questa parentesi privata ritorniamo a noi.
Compro i biglietti e salgo sul bus, mi siedo e prendo il mio "Jamie Magazine" per rilassarmi e leggermelo con calma. 
Ad un certo punto alzo gl'occhi e guardo lo specchietto dell'autista, mi stropiccio gl'occhi, perché forse vedo male, no invece no, l'autista aveva le palpebre che si chiudevano!!! Al che ho iniziato a guardarmi intorno per capire se me ne fossi accorta solo io, senza staccare gl'occhi dallo specchietto, perché al minimo passo falso avrei lanciato un urlo!
A cose normali sarei andata lì e con qualche scusa avrei cercato di chiacchierare, ma il tipo era parecchio incacchiato, suscettibile, imprecava contro tutti gli automobilisti, inchiodava premendo il freno energicamente, e bestemmiava a bassa voce, ma bestemmiava, stropicciandosi il viso continuamente, sbadigliando a bocca spalancata…
Un incubo, vi giuro… pensavo "forse questa è la sua ultima corsa e pensa ormai sono alla fine poi stacco" ma l'altra vocina dentro di me diceva "speriamo non sia l'ultima corsa in tutti i sensi" oh mio Dio… Arrivati vicino al centro mi son detta "Dai ce l'abbiamo fatta appena scendo vado da lui e gli dico - Si faccia un favore, scenda da questo bus e vada a prendersi un caffè doppio ci ha fatto crepare di paura" poi era troppa la voglia di scendere da quel mezzo infernale che mi è passato di mente e in un minuto mi son ritrovata fuori di li!!!!!!
Uhauuuuuu ero sana e salva la prossima volta vado in treno così almeno non vedo niente!!!!!!!!
Cacchio grazie Signore grazie!!!!!!!!!!!
Via sono partita verso il centro mi son fatta un giretto e sono andata da Eataly dove avevo appuntamento con Elisabetta. Le ho raccontato la disavventura ci siamo prese un bel caffè e abbiamo aspettato Berry che è arrivato con quel fagottino meraviglioso di "Mirtillino" Elia!!! 
Poi siamo andate al secondo piano e abbiamo conosciuto le ragazze di Moulinex,  studiato un po' le ricette che avremmo preparato e il meraviglioso robot Cuisine Componion. A sorte aprendo delle sfere hanno abbinato i concorrenti (noi 4: Elisabetta, Jacopo, io, e una ragazza) alle blogger già esperte di questo apparecchio che hanno scelto di portare una propria ricetta da elaborare li: Sandra, Laura, Tiziana, Martina. 
Io sono stata abbinata a Laura , una persona davvero speciale, c'eravamo viste alcune volte ai raduni ma non avevamo mai approfondito la nostra conoscenza prima di oggi; mi ha spiegato benissimo come funzionava l'apparecchio con molto calma, dolcezza trasmettendomi sicurezza. 
Nel tempo che avevamo a disposizione (1 ora circa) abbiamo sviluppato la ricetta: "Al vapore involtini di merluzzo con aneto, pistacchi e pepe rosa e gamberoni, nel solito boccale e nello stesso momento una vellutata di asparagi da urlo!!!
Laura è una maestra perfetta e questa ricetta me la son portata a casa per rifarla al più presto!!! 
I vincitori sono stati Sandra e Jacopo con una vellutata di lenticchie spettacolare!!!
Massy era a lavoro a Firenze, ma non ce l'ha fatta a venire a vedermi così ho aspettato che finisse completando la serata da Hard Rock Caffè mangiando un Hamburger decisamente sensazionale. Io ne ho preso un tipo con cipolla fritta al sapore di caffè e vi giuro sono rimasta a bocca aperta, e quelle patatine fritte con quella salsina speziata mmmmm…mi torna l'acquolina in bocca!!!
Fateci un salto se girate per Firenze ne vale davvero la pena!

Oggi vorrei augurarvi buon week end amici miei, informandovi che presto ci sarà la presentazione del libro "Il Gusto della Terra" organizzata da me coinvolgendo le bloggalline toscane e si terrà alla Libreria "Il Ghirigoro" Mondadori a Quarrata…rimanete connessi, parleremo del libro stuzzicando alcune nostre leccornie!!!
Godetevi questi cestini deliziosi ottimi anche per un picnic….se il tempo migliorerà!!!
Cestini di pasta brisè:
200g di farina di farro (Molino Rossetto)
100g di burro
1 pizzico di sale
1 tuorlo
mezzo bicchiere circa di latte

Per il ripieno:
4 carciogi
1 uovo
1 scpicchio d'aglio senz'anima
qualche rapetto di timo
qualche foglia di maggiorana
qualche foglia di erba cipollina
6 fettine di lardo di cinta (o lardo di colonnata)

Preparazione:
Per prima cosa preparate la brisè. Versate tutti gli ingredienti nel Bimby o in altri robot (perfetto Cuisine Compenion) o anche a mano è?!??! create un cratere con la farina, all'interne mettete il tuorlo e amalgamate con le punte delle dita, versate un po' di latte alla volta e impastate, infine i burro a pezzettini, impastate bene fino a ottenere una palla liscia e omogenea.
Imburrate gli stampini e dividete l'impasto in 3 parti, fatene aderire ognuna alla mini-tortiera bucherellatela e infornate a 180°C per 10 minuti.

In una padella rosolate un goccio d'olio, aglio e erbette a questo punto, dopo aver pulito e tagliato i carciofi fateli cuocere aggiungendo un pochino d'acqua alla volta finchè necessita, per circa 15 minuti.
Disponete i carciofi cotti nelle tortiere e cuocete in forno ancora 15 minuti sempre a 180°C.

Tagliate alcune fettine di lardo e mettetele sui carciofi caldi appena sfornate le tortine, in questo modo si scioglierà insaporendo i carciofi.
Decorate con un rametto di maggiorana se volete.
Bon appètit!






lunedì 18 maggio 2015

TORTILLAS FATTE A MANO AL MIO SHOWCOOKING A MILANO PER FUORIEXPO!!!










Un ringraziamento speciale a Serena Gallorini Fotografa...


Posso dirlo????
Non sono mai stata così incasinata come in questa settimana!!!!!!!!!!
Ahahahahahahahah ormai la mia vita sembra esser diventata un vero caos ma tra uno sfogo e l'altro alla fine torno a casa col cuore gonfio di gioia!!!

Beh oggi vorrei parlarvi dei miei due giorni a Milano spadellando nella location spettacolare di Umanitaria, come vi avevo già anticipato, dove la Regione Toscana ha portato le eccellenze regionali del territorio alternando i vari comuni da Maggio a Ottobre. E' stata la settimana di Quarrata questa appena passata e sono stata chiamata, con grande piacere, come blogger e cittadina del mio comune per spadellare di fronte al pubblico milanese. Devo dire che quando sono arrivata e ho visto la location  dal vivo ha iniziato a battermi il cuore, quando poi ho visto il bancone mega e tutte quelle poltroncine davanti, che sarebbero state occupate da un pubblico sconosciuto da me, beh lì il cuore mi è proprio uscito dal petto prendendomi la tremarella alle gambe!!!
Menomale avevo la mia amica, nonché super fotografa, Serena che mi aveva seguita in questa avventura immortalando ogni attimo.
Ho iniziato a prepararmi, indossato i miei pois, mi hanno microfonato e via le danze son state aperte dal mio accento toscano, che mi ha aiutata nella conquista dei cuori nordici. Il mercoledì mi sono presentata, ho parlato del mio blog, del libro "Il gusto della Terra" che a giorni sarebbe uscito in tutte le librerie d'Italia, ho scherzato sulla mia marcata "toscanità" ed è andata alla grande spadellando pasta fresca del Pastificio San Marco.
La sera leggendo i commenti su FB una ragazza della mia città mi ha scritto "Ti ho vista sul TG regionale!!!" e io "Nooooooo, ma come, ma dov'era la televisione, c'era un video???Ma ma ma io non mi sono accorta di niente!!!" ve l'ho detto che l'emozione andava a mille!!!
La sera con Serena e Ilaria dopo esser state nella sua casa spettacolare sui Navigli, bevendo centrifughe, chiacchierando e perdendoci nei profumi della cena che stava preparando per il compagno che la sera sarebbe stato in casa a veder la Juve, siamo uscite a folleggiare, tre donne sole a Milano, sui Navigli, capite?!?!??!
Mi sono decisamente innamorata di questa città, che fino a ieri non apprezzavo, non so perché ma mi ha decisamente conquistata!!! 
Forse perché le ultime volte in cui sono venuta il sole splendeva nel cielo milanese sempre grigio e nebbioso e questo mi ha fatto vedere una città diversa, veloce, energica, viva, giovane, dinamica, dove i sogni possono diventare realtà! Infatti è stato uno dei l'ho detto anche durante lo Showcooking "Vado spesso a Londra e ho sempre creduto che solo vivendo là si vedono certe cose, si vedono le pure novità, ma venendo a Milano mi rendo conto che è una città ricca di novità e non importa andare a Londra perché anche l'Italia ha luoghi dove i sogni possono realizzarsi" non vi dico la stend in lovetion che ho scatenato, ma io l'ho detto col cuore, perché è davvero una constatazione che ho fatto e che mi avete sentito dire molte volte voi che mi seguite!
Siamo andate a prendere un aperitivo da Bond dove ci hanno servito acqua al cetriolo, l'avete mai sentita?, per me è stata la prima volta, e un piattino con del sushi strepitoso, poi abbiamo preso un po' di assaggi a buffet e quella è stata la nostra cena sorseggiando un "Milano-Milano" bevuta avente questo nome!!
Dopodichè ho lasciato le mie amiche perché l'alzataccia delle 5:30 stava facendosi sentire. Il giorno dopo siamo andate a far la spesa per lo showcooking delle 13:00 e lì ho dato sfogo alla fantasia, tra finger food veloci, panzanelle toscane nella mia variante al cous cous, cetrioli ripieni, belga alla mousse di ricotta e noci, chips di farina di mais e tanti tanti altri stuzzichino!!
Mi è stato raccontato in seguito che la ragazza di Regione Toscana, doveva documentare tutti i piatti, ma non faceva in tempo ad alzarsi per fotografarli che erano già spariti…segno un cibo molto apprezzato, che ne dite voi?!?!?
Beh il pubblico è rimasto molto soddisfatto, io ho continuato a sfornare fino alle 15:00, anche per le persone che restavano lì a far due chiacchiere, poi alle 16:30 son salita in macchina e son tornata verso casa!!!
E' stata una grande emozione per me aver la possibilità di espatriare ai fornelli di una cucina milanese, e devo dire, anche se ero molto preoccupata, è andata alla grande. Quindi ne approfitto per ringraziare i ragazzi di Contanima e il Comune di Quarrata che mi hanno coinvolta in questa favolosa avventura firmata FuoriExpo!!!

Quindi oggi vi lascio con la mia ricetta delle Chips alla farina di Mais (tipo le Tortillas per intenderci) che ho abbinato ad una mousse yogurt greco e robiola!!!
Ingredienti:
70g di farina di Mais (per polenta)
30g di farina 0
80g di acqua calda
2 cucchiai di olio vegetale
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di paprika 

Per la mousse:
100g yogurt Total
170g di robiola
erba cipollina se vi piace

Procedimento:
Per prima cosa mescolate le farine, il sale e le spezie. Portate a bollore l'acqua e aggiungetela alla ciotola, mescolando con un cucchiaio lentamente. Lasciate raffreddare per 10 minuti. Quando avrà assorbito tutta l'acqua impastate su una spianatoia infarinata l'impasto ottenendo una palla morbida ma compatta. Spianatela finissima aiutandovi con un matterello e ricavate i triangoli.
Dispoteli a questo punto su teglie coperte con carta forno e infornate per 10-15 minuti a 180°C.
Mescolate in una ciotolina le due "creme", appena saranno intiepidite le tortillas intuffatele dentro e sgranocchiatele!!!
Bon appètit!

IN LIBRERIA POTETE TROVARE  "IL GUSTO DELLA TERRA" UN LIBRO FATTO DI 115 RICETTE DI 113 FOODBLOGGER SPECIALI UNITE DA UNA GRANDE PASSIONE PER IL CIBO….E CI SONO ANCH'IO!!!
CORRETE A COMPRARLO!!!!
Nel prossimo post grandi emozioni da raccontare….






martedì 12 maggio 2015

SNACK VELOCE… MANDORLE E ANACARDI SPEZIATI E CARAMELLATI


Siccome son piuttosto sull'agitato questa settimana vi lascio con uno dei miei snack preferiti, che, devo dire, chi l'ha assaggiati in negozio ha decisamente fatto subito il bis, quindi non vi dico altro se non….stampatevi la ricetta e correte a rifarli, sono golosissimi!!!
Cosa c'è di meglio di un aperitivo in uno dei primi week end più belli di questo anno, il sole caldo, un tavolino in terrazza, un'Acqua Brillante o un Gin Tonic (anni 80 a palla) e due sdraio…gli uccellini che cinguettano in sottofondo e tanta, tanta pace magica segno indistinto di questo periodo meraviglioso…
Oggi vi lascio così, presto avrò tanto da raccontare, quindi restate connessi, auguratemi un mega imbocca al lupo per Milano (FuoriExpo), per Torino (presentazione del libro al Salone del Libro) e tutto il resto che ci sarà in questa settimana di cui non posso parlarvi, ma….voi pensatemi comunque mandandomi tante energie positiveeeeee se mi volete un pochino di bene!

Ingredienti:
225g tra anacardi e mandorle (bio)
150g di zucchero semolato
1/2 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di paprika piccante
1/2 cucchaino di cannella
1/2 cucchiaino di cumino macinato
150ml di acqua

Procedimento:
Scaldate il forno a 180°C e foderate una teglia con carta forno.

Mettete in una tegame lo zucchero e l'acqua e sciogliete per 5 minuti lo zucchero, aggiungete la frutta e le spezie portando lentamente ad ebollizione, abbassate al minimo la fiamma e cuocete per 15-20 minuti finchè non si caramella il tutto.
A questo punto prendete un colino e filtrate sopra ad una ciotola, cercando di togliere tutto il liquido adagiate il composto nella teglia e livellatela.
Infornate per 15 minuti a 180°C
Toglietela dal forno, lasciatela raffreddare e rompetela con le mani.
Servitela come aperitivo o in qualunque ora della giornata come snack, abbinandola ad un acqua brillante con 2 fettine di limone fresco.
Bon appètit!


venerdì 8 maggio 2015

GIRELLE DI FROLLA E….ANDIAMO A MILANO!!!




"Gemma come sto coi  capelli così?" tirandomeli su in uno chignon…
lei "mmm… bene Zia sei bellissima…sembri un pasticcino!!!!!!!"
Quanto li amo i bambini…………….le mie nipotine sono tutta la mia vita è per questo forse che amo alla follia vivere???

La prossima settimana sarò due giorni a Milano a fare diversi showcooking nei centralissimi Chiostri dell'Umanitaria a due passi dal Duomo per il FuoriExpo dove le eccellenze Toscane si alterneranno in showcooking, degustazioni, convegni una vera finestra di sapori toscani. Ha aperto le porte Firenze con i suoi prodotti doc continuando poi la prossima settimana con Quarrata e le eccellenze del nostro Montalbano, come potevo dire di no!!!
Per tutte le milanesi all'appello se siete libere mercoledì 13 e giovedì 14 maggio sarò là, passate a trovarmi e venite a vedere questa meravigliosa location…
Quindi potrei dirvi che mi aspetta una settimana intensa, con week end a Torino per l'uscita del libro bloggallinico dove sarà la mia ricettina!!!
Uahuuuu va beh intanto pensiamo a questo week end, vi lascio con questi biscottini "uno tira l'altro" semplici e veloci, una pasta frolla facile facile… 
Buon week end, speriamo con tanto tanto sole!!!!!!

Ingredienti:
250g di farina 00
100g di burro temperatura ambiente
100g di zucchero a velo
1 uovo e 1 tuorlo
la scorza grattugiata di un limone non trattato

Per la parte al cioccolato:
aggiungi solo 2 cucchiaini di cacao amaro a metà impasto.

Procedimento:
Mettete nel Bimby farina e zucchero e frullate, in modo da ottenere lo zucchero a velo; se non avete il bimby sostituite con zucchero a velo.
Aggiungete le uova e amalgamate: 10 sec. vel.5
Infine il burro a pezzettini e la scorza grattugiata: 30 sec. vel.6
Togliete l'impasto, dividetelo in due parti uguali, reinserite nel boccale una parte e aggiungetevi il cacao: 10 sec. vel.5
Avvolgete i due impasti separatamente in pellicola alimentare e metteteli in frigo per 30 minuti.
Prendete a questo punto gli impasti, stendeteli spolverando il piano di lavoro con un po' di farina e mettetene uno sopra l'altro. Arrotolate gli impasti su se stessi nel senso del lato più lungo. Avvolgete il rotolino in pellicola e lasciatelo ancora 30 minuti in frigo.
Rivestite intanto due leccarde con carta forno, riprendete il rotolino, toglietelo dalla pellicola e tagliate le girelle ogni fettina di circa 1cm.
Disponetele sulla placca da forno e infornate in forno ventilato a 180°C per 20 minuti circa. 
Bon appètit!

mercoledì 6 maggio 2015

TORTA CAMPO DI NEVE….RICETTA TIPICA TOSCANA!




Grazie, grazie e ancora….grazie!

Ieri è stata una giornata memorabile, 3 persone mi hanno scritto privatamente per dirmi cose belle, cose belle che fanno davvero bene al cuore!
Non sono l'eccellenza dell'autostima e spesso mi faccio prendere da mille paure, dubbi, seghe mentali per parlar male, ma poi arrivano questi messaggi, che mi fanno sentire un tuffo al cuore, un brivido mi scalda la schiena e io torno a sentire un po' più me stessa, quella me stessa che sembrava sfuggirmi è tornata, grazie a voi!
Questa consapevolezza del mio esistere e sentire che il mio esistere fa bene a qualcuno, rende felici le persone, sorridono leggendomi e mi scrivono quando sentono che c'è qualcosa che non va, beh questo mondo virtuale che spesso però si concretizza con l'approfondimento nella conoscenza di persone speciali, beh questo mondo mi piace un sacco, nonostante a volte mi senta un po' perduta, quando mi ritrovo provo una sensazione magica…indescrivibile!
Quindi voglio oggi dire grazie a quel giorno un cui mio marito mi spinse ad entrare nel mondo dei pazzi blogger, grazie a tutti coloro che si sono iscritti al mio blog, grazie a coloro che in questi anni mi hanno fermata per la strada, al supermercato, in panetteria, ad una fiera, per dirmi parole sincere, complimentandosi con me per le mie ricette, per le foto che faccio e il mio modo di scrivere che non è altro che uno specchio nitido, senza veli, di me stessa…

Non so perché oggi mi sia presa così, forse perché ieri è stato un amplesso di emozioni, "una giornata da ricordare" potrei intitolarla, coronata da un pomeriggio intero passato con la mia Gemma speciale, la mia nipotina che in questo periodo anche lei sembra adorarmi alla follia e non mi molla un minuto!
Mi lamento perché non riesco a far niente quando c'è lei, se non cucinare insieme, colorare, e guardare qualche cartone animato, ma lo dico solo per dire, perché un suo abbraccio stretto stretto, quella bocca che si spalanca in un dolcissimo sorriso quando mi vede, dicendo "ziaaaaa voglio stare con te" beh non ha prezzo!!!!!!!!!
Per cui oggi vi lascio con questa meravigliosa torta che ha un nome pazzesco, come mi ha detto un'amica speciale ieri "bellissimo il suono di queste parole" 
Torta Campo di Neve
Dal libro "La cucina Toscana" Giovanni Righi Parenti
Torta di chiare tipica di Prato
Ingredienti:
8 albumi
300g di zucchero
80g di farina
la buccia tritata di un limone non trattato
100g di fecola di patate
100g di burro fuso a bagno maria
mandorle bio tostate e tritate grossolanamente, alcune anche intere 
(circa mezz'etto come dice lui)

Procedimento:
Montate gli albumi a neve piuttosto ferma, dopodiché aggiungete la fecola, la farina, la buccia grattugiata e lo zucchero e mescolate piano piano con una spatola dal basso verso l'alto. 
A questo punto aggiungete il burro.
Prendete uno stampo con cerniera imburratelo e cospargete bene di farina, in modo che non attacchi, fate uno strato generoso, una "soletta", di mandorle tritate lasciandone alcune a pezzi interi, coprite con l'impasto e cuocete in forno caldo a 130°C per 45 minuti, dev'essere a fuoco moderato perché la torta dovrà crescere gradualmente senza crollare.
Una volta raggiunta la cottura, aspettate che sia tiepida per sformarla. Io l'ho capovolta, e cosparsa di zucchero a velo, ma la ricetta dice che potete anche lasciare la parte croccante a vista cospargendo qui uno strato generoso di zucchero lasciando le mandorle come base.
Bon appètit!

giovedì 30 aprile 2015

PIZZA CON LIEVITO MADRE E I MIEI CILIEGINI CONSERVATI...




Sono un fiume in piena amici miei, avrei mille cose da raccontarvi, tante novità, tante emozioni da condividere con voi…
Intanto vorrei parlarvi di un film meraviglioso che ho visto proprio ieri sera con mio marito…ora è nella fase "che c'è stasera da vedere?" perché io sono l'addetta oltre che al menù culinario anche a quello televisivo, registro registro registro come una forsennata programmando tutta la settimana con My Sky dimenticandomi totalmente che Sky ha mille canali perché guardo sempre e solo i soliti: Gambero Rosso, Cinema HD, Fox Life!
La scorsa settimana vidi "La vita di Versace" un film molto bello, ma non mi ha lasciato molto, forse perché Versace non è mai stato uno dei miei stilisti preferiti, mentre, ieri sera, guardammo insieme "La vita di Yves Saint Lauren" e ancora ora raccontandolo mi commuovo. 
Il genio che è dentro ogni uomo, solo in alcuni è un genio "speciale" e spesso, non so perché, la vita dell'artista speciale è sempre segnata da tanta sofferenza….
Lui fu il grande maestro innovatore della moda, un innovatore costante, esaltatore dell'eleganza femminile, colui che creò l'abito più copiato al mondo "Mondrian", abiti esposti nei musei di acclamati come "Il Metropolitan Museum di New York" e felicemente posso dire di esserci stata e averlo visto coi miei occhi!
Le storie di vita di personaggi così importanti io le amo alla follia, perché come ormai sapete  adoro vedere sogni che si realizzano, e dove ci sono storie di vita ci sono storie d'amore e da gran romanticona quale sono amo alla follia l'amore in tutte le sue forme...


Ingredienti:
400g di farina Tipo 0 debole
100g di semola rimacinata di grano duro
30% di pasta madre rinfrescata(150g)
1 cucchiaino di malto liquido
5g di lievito secco
10g di sale fino
390ml di acqua calda
50g di strutto ottima qualità io QUI(o olio evo)
Condimento:
pomodorini ciliegia freschi o #conservati
1 mozzarella

Procedimento:
Sciogliete in un pochino dell'acqua calda misurata la pasta madre con gancio nella planetaria finchè non sarà completamente sciolta.
Aggiungete le due farine e iniziare ad impastare lentamente a vel.1-2.
Versate un po' di acqua per volta lasciandovene da parte il 20% circa che aggiungerete più avanti.
Unite il malto e impastate ancora a vel.2 per circa 5 minuti.
Aumentate la velocità a 3 versando il sale vedrete che l'impasto sarà bello lucido e morbido. Dopo circa 15 minuti aggiungete la parte grassa, cioè lo strutto o l'olio a seconda di quello che vorrete e continuate ad impastare ancora 10 minuti ma aumentando la velocità fino a 6 dovrete sentire come se l'impasto venisse schiaffeggiato. Importante è che la temperatura dell'impasto sia 28°-30°C se non è così continuate a girare nell'impastatrice ancora un po' perché in questo modo si scalderà ancora.
Ungetevi le mani e ungete un recipiente con base larga, preferibilmente quadrato con bordi alti, versateci l'impasto e fate 2 pieghe: tirate la parte vicina a voi verso la parte alta e la parte alta verso quella in basso. Coprite con pellicola anch'essa oleata e lasciate riposare accanto al termosifone per 4 ore. (Io mi sono attenuta alla ricetta dove usano la biga+lievito, ho sostituito la biga con pasta madre mantenendo il lievito secco, quindi in 4 ore raddoppierà di volume; la prossima volta proverò a fare questo impasto con sola pasta madre quindi ci vorrà tutta la notte di lievitazione.)
A questo punto prendete due leccarde copritele con carta forno e spolverizzate di semola rimacinata, su una spianatoia anch'essa infarinata di semola rovesciate l'impasto e con un tarocco tagliate in due l'impasto, che andrete ad appoggiare sulle leccarde infarinate. Spolverizzate ancora di semola e allargate l'impasto, senza affondare i pollici, questo è importantissimo.
Mettete a lievitare in forno spento con luce accesa per 30 minuti.
Vedrete formarsi delle perfette bolle d'aria e questo sarà indice di una ottima lievitazione.
A questo punto spolverizzate di sale e lasciate ancora riposare 30 minuti.
Ultimo passaggio: oleate bene la superficie con olio extra vergine di oliva, con i polpastrelli premete in modo da formare della fossette idratate e lasciate ancora riposare per 30 minuti.
Se volete fare la pizza cospargete di pomodorini ciliegia (io li avevo messi lo scorso anno puliti in un barattolo con un pochino di sale grosso e basilico chiuso ermeticamente e sterilizzato) e, 10 minuti prima dello scadere del tempo di cottura cospargere con mozzarella tagliata a pezzettini.
Cuocete entrambe le teglie a 220°C per 30 minuti, a metà cottura scambiate le teglie di postazione in modo da non cuocere troppo la superficie.
Lasciatele freddare su due griglie.
Bon appètit!

martedì 28 aprile 2015

DOLCETTI LIGHT AL COCCO…..COME UTILIZZARE GLI ALBUMI!



Ok il malumore mi è passato, la tristezza pure ora solo tanto tanto positivismo per questa vita!!!!!!!!!!
Il tempo certo non aiuta, continua a piovere, lasciando quello splendido sole primaverile della scorsa settimana ormai come un ricordo lontano, ma…prima o poi tornerà a scaldare i nostri cuori e i nostri umori!!!
Qui sul pianeta "lacucinadiazzurra" i progetti ancora galoppano, e, come il mio solito, una volta che ho un impegno fissato  se ne accavallano altri 3!!!
Vorrei trovata una super maga che mi spieghi il perché di queste strane coincidenze nella mia vita, ok qualcuno lassù vuole mettermi alla prova, mi dice una cara amica, ma….ora basta quante prove devo darvi ancora!!!!Ahahahahha
Credo proprio che quella maga che non esiste l'unica cosa che saprebbe dirmi sarebbe "è il destino" ahahah quindi nessun arcano dilemma svelato, solo vivendo capirò come districarmi in tutti questi impegni concentrati in un solo week end!!! E' sì, sapete di quale week end parlo?????
Maggio, l'uscita di qualcosa di molto speciale, fatto dalle mani di persone speciali che insieme sono riuscite a dar vita, al nostro sogno, ed io sarò lì, nero su bianco con la mia ricetta dopo  cambiamenti che ai tempi mi fecero tanto dannare, ma, in una notte ambrata una luce illuminò la mia testolina dandomi la risposta tanto attesa, e…così il sogno oggi diventa realtà!!!

Io, Azzurra Mantellassi, una bambina di campagna, perché così mi sento una bambina di fronte al più bel regalo nascosto sotto l'albero il nostro LIBRO!!!

Per cui io vivo, lascio battere ardentemente il mio cuore, lascio andare a ieri le nubi offuscate e…aspetto il sole mangiando questi dolcetti deliziosi, fatti con un esubero di albumi in frigorifero!!!
Se anche voi avete fatto dolci o creme in cui usate solo i tuorli, vi consiglio di tenere in casa sempre un sacchetto di cocco disidratato e farli appena possibile, sono divini!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Ricetta passata dal mio caro amico Mike che per una vigilia di Natale ce li donò come regalino goloso e da allora mi ricordo la bontà!!!
Se poi vi avanzano albumi e non potete fare i biscotti in quel momento potrete anche surgelarli!!!!
Ingredienti:
240g di albumi
500g di zucchero
1/2 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
150g di farina 00
900g di cocco disidratato
 1 pizzico di sale

Procedimento:
Mettete lo zucchero e gli albumi in una boule a bagnomaria e sciogliete girando con un cucchiaio di legno per 5 minuti.
Togliete dal fuoco e aggiungete gli altri ingredienti e per ultimo il cocco. Amalgamate bene con un cucchiaio e formate delle palline con l'aiuto di due cucchiaini disponendoli su teglie coperte con carta forno.
Cuocete 20 minuti a 170°C.
Bon appètit!