martedì 16 settembre 2014

MIRTILLI UBRIACHI…..






Quando passo queste giornate mi sento fortunata, perché un tim perfetto mi circonda, insieme ci consigliamo, insieme buttiam giù idee per delineare poi il titolo perfetto per un evento, per me, molto emozionante ed importante.
Come tutte le blogger per scaramanzia non ne parlerò posso solo dirvi che l'emozione galoppa galoppa galoppa…
Per chiudere la serata emozionante un tafano è venuto a bussar alla mia porta…immaginatevi la scena, io insieme a lui sul terrazzo, al secondo piano, mollo la cannella e smetto di annaffiare lo guardo e inizio a parlargli…
Gentilmente gli chiedo se può andarsene perché la sua presenza m'incute timore, non posso buttarmi di sotto dal terrazzo, ma lui niente sempre lì fisso a ronzare alla mia porta a vetri, la luce all'interno lo attraeva troppo per rinunciarvi, così mi sono avvicinata e gl'ho sussurrato "se scendi più giù lo sai che dovrò ucciderti?!?". Chiaramente non potevo farlo entrare in casa, col rischio poi che, mentre aprissi la porta magari mi sarebbe pure caduto addosso, pinzato e chissà quale altra cosa, uhuhuh mi vengono i brividi al solo pensiero.
Ha fatto il passo falso…è sceso al vetro infieriore, mi son tolta la ciabatta e…TA!
ERA FINITA!
Erano ormai giorni che veniva a tormentarci, di solito evito di uccidere gli insetti, ma i tafani mi fanno proprio paura, quel rumore che s'insinua nelle orecchie come un eco quasi a dirti "se ti pinzo ti faccio molto male" ma…se volevo rientrare in casa e preparar la cena la scelta tra LUI e ME era una sola: ME!
Appello agli animalisti che mi state leggendo vi prego perdonatemi, ma mi son vista costretta a salvarmi da un occhio gonfio!!!
Dopo il resoconto delle mie squilibrate giornate oggi vorrei lasciarvi con questa ricettina facile e veloce, che mi rivelò la signora della bottega di alimentari all'Abetone dove ci fermammo per un break io e mio marito alcune settimane fa. Le chiesi se sapesse fare il liquore ai mirtilli e lei mi rispose "macché puoi fare la grappa ai mirtilli, molto più veloce ed è davvero mondiale!" così fidandomi di una "montanina DOC" con la grappa che avevo in casa ho provato a farne due bottigline mignon comprate molto tempo fa e che trovo davvero deliziose!!!
Ingredienti:
mirtilli
grappa

Non dovrete far altro che versare alcuni mirtilli sul fondo e versare sopra la grappa. Semplice no??
Immaginatevi un inverno freddo freddo, il camino acceso e un bicchierino di questa grappa ai profumi dell'estate che ti scalda il cuore e la mente, correrete subito a farla!!!
Bon appètit!

lunedì 15 settembre 2014

CROSTATINE DI MELE E RICOTTA A MODO MIO….





"Ti ho visto così radiosa!!!"
"Sì perché….nonostante tutto….la mia vita mi piace molto!"

Non so cosa o chi mi guidi ogni giorno so soltanto di sentir dentro di me una forza tale da non fermarmi mai, sognare, immaginare, progettare, vivere e ancora vivere questa vita, in un lampo arrivo alla sera a volte insoddisfatta per non esser riuscita ad incastrare tutto, ma le mie giornate sono puzzle, a volte arruffate, ingarbugliate ma, alla fine, se non oggi sarà domani, quel puzzle s'incastrerà  alla perfezione e un nuovo quadro verrà appeso nelle mie stanze…
Oggi mi sento così, dopo giornate intense, in cui corro tra lavoro e passione, butto giù menù e completo campionari, mi siedo di fronte al mio PC e confermo…la mia vita mi piace molto!
E mi piace molto quando lascio andare la fantasia e creo tortine così, semplici, ma nella loro semplicità nascondono la ricchezza di un tripudio di sapori equilibrati che si sposano tra loro regalandoti un confortevole e delizioso piacere…

Ingredienti per Pasta Frolla:
250 g di farina 00
100 g di burro ammorbidito
100 g di zucchero semolato
2 uova
la buccia di 1 limone grattugiata (bio please!)
un pizzico di sale

Ingredienti per il ripieno:
Marmellata di albicocche e semi di lavanda (vedi QUI)
3 mele a piacere (io del mio orto)
150 g di ricotta di mucca
cannella
il succo di 1 limone
1 cucchiaio di miele
zucchero di canna Mascobado 

Procedimento per la Pasta Frolla:
Per prima cosa tritate la buccia del limone nel Bimby se lo avete (altrimenti grattugiatela) 8 sec. vel.9
Aggiungete lo zucchero e la farina e frullate: 10 sec. vel.8
Unite il burro morbido spezzettandolo con le mani e sabbiate il tutto: 
20 sec. vel.4. A questo punto aggiungete le uova : 30 sec. vel.Spiga impastando il tutto. Otterrete una palla liscia, ricopritela con pellicola da cucina che lascerete riposare 30 minuti in Frigo.
Intanto lavate le mele, privatele della pelle e del torsolo e riducetene 2 a pezzettini l'altra a fettine sottili circa 2 mm. Disponete quest'ultime in un piatto irrorandole col succo del limone; questo impedirà alle mele di annerirsi.
Le altre mettetele in una padella aggiungete il miele e la cannella lasciandole ammorbidire per circa 10 minuti.Prendete le vostre formine per ottenere delle tortine e imburratele.
Passato il tempo di riposo stendete l'impasto in ogni stampo e bucherellate con i rebbi di una forchetta. Coprite il centro con carta stagnola e distribuite dei legumi secchi in modo che il loro peso impediranno alla pasta di gonfiare. Infornate 15 minuti a 180°C.
Sfornate le tortine, togliete i legumi e la carta stagnola, versate all'interno di ognuna un cucchiaio di marmellata di albicocche.
Unite alle mele ammorbidite col miele la ricotta amalgamando bene il tutto e disponete 1 cucchiaio e mezzo circa di composto in ogni crostatina.
Per finire decorate con le fettine di mele e una spolverata di zucchero mascobado; infornate ancora 15 minuti a 180°C.
Bon appètit!






mercoledì 3 settembre 2014

MARMELLATA DI FICHI E ZENZERO…. #ORTOMIO


             









Eccomi qui stremata dalla mole di lavoro che mi impegna ogni inizio stagione…il mio negozio sembra un campo da combattimento, merce sparsa ovunque, scatoloni da sballare, scatoloni da imballare per metter via ciò che rimane dell'estate, vetrine nuove da fare, clienti desiderosi da servire e coccolare mostrando, nel caos, le nuove collezioni…ma ce la farò non preoccupatevi.
Le mie gambe sono stanche, mi sento le vene pulsare intermittenti, cosicché ho dovuto ricorrere alle orribili calze elastiche che noi donne causa lavori che richiedono di stare sempre in piedi ci tocca indossare!!!
Le odio, mi fanno letteralmente schifo, niente di sexy in tutto ciò, ma se non voglio stancarmi più di quanto mi stanco, mi tocca indossarle…per fortuna i pantaloni lunghi nascondono e, viste le temperature poco stabili, non soffro troppo il caldo. Un appello a coloro che fanno questi collante  inventatevi qualcosa di più femminileeeeeee!!!Ahahhahahhaah
A parte i miei malesseri sto piuttosto bene, il mio umore è buono e questo mi piace, domani finalmente ritirerò quel foglio atteso per concludere una parte del percorso che abbiamo felicemente intrapreso noi della Famiglia Meoni!!!
Ieri sono stata in negozio fino alle 24:00 perché il mio Paese era in festa e, devo dire, è stato tutto molto carino, organizzato bene e….udite udite in una delle piazze c'era anche lo spazio FOOD !!!!!!!!!!
Siamo andate a mangiarci una strepitosa schiacciata con mortadella del 
F.lli Lunardi, le loro mani hanno il potere di creare delle leccornie uniche, quando ti trovi di fronte al loro bancone non puoi che lasciarti pervadere dal  desiderio di assaggiare assaggiare assaggiare, scacciando via la vocina "dieta", perché ogni cosa sia dolce che salata è strepitosamente divina!
Se capitate da queste parte non potrete mancare una visitina al loro negozio di alimentari, a Quarrata dal 1966, chiudere gli occhi e lasciarvi conquistare dagli odori e dai sapori che solo lì puoi sentire! 
Dopo aver mangiato questa schiacciata con mortadella affettata a mano, fatto assolutamente da non sottovalutare per l'integrità dei sapori, siamo tornate in negozio a lavorare col pancino pieno e il cuore felice…
Alle 24:00 da casa mia sono riuscita a vedere i fuochi d'artificio che, posso garantirvi, sono stati strepitosi, sono iniziati un po' a singhiozzi, ma poi, hanno preso il via scoppio dopo scoppio tra cuori, cerchi che formavano il disegno dell'infinito, salici piangenti e altre forme colorate; il tutto coccolando Gandhi piuttosto impaurito dai forti schiamazzi notturni. 
Non posso che concludere questo post con una delle mie marmellate preferite, che faccio ogni anno diventando ormai un Must nel mio carnet di Marmellate: 
FICHI E ZENZERO….un connubio perfetto!

Ingredienti:
2 kg  di fichi
800 g di zucchero
il succo di 2 limoni
1 bel pezzo di radice di zenzero

Procedimento:
Per prima cosa lavate i fichi e tagliateli a pezzetti, non troppo sottili se, come a me, vi piace gustare questo tipo di marmellata a pezzi, non troppo liquida.
Versateli in una pentola e irrorare col succo dei limoni (per non buttar via niente, potrete anche grattugiare la scorza).
Iniziate a cuocere per 5 minuti a fuoco vivace, aggiungete lo zucchero e abbassate la fiamma, continuando la cottura per circa 30 minuti. Abbiate cura di girarla spesso. A questo punto pulite una radice di zenzero, privandola della pelle e tagliatela a fettine sottili sottili; unitela alla marmellate e continuate la cottura ancora 15 minuti.
Versate la vostra marmellata in vasetti precedentemente sterilizzati, chiudete bene il tappo e capovolgete.
Bon appètit!
CONSIGLIO: questa marmellata io la trovo favolosa, perché si sposa perfettamente sia con i dolci che con i salati. Se vorrete abbinarla a formaggi io consiglierei tutta la famiglia degli Erborinati e pecorini stagionati.






domenica 31 agosto 2014

INVOLTINI DI ZUCCHINE CON MOZZARELLA






Ieri è stato per noi l'ultimo giorno ufficiale di ferie e ce lo siamo proprio goduto!
Mi ha svegliato Gandhi verso le 7:00 orario della sua uscitina mattutina, è un gatto ma sta prendendo molto velocemente tutte le abitudini e pregi dei cani, affettuoso, sempre desideroso di coccole e, appunto, l'uscita in terrazza al mattino! Non so cosa fa li fuori forse ha solo voglia di respirare un po' di aria fresca, io intanto mi ributto ogni mattina nel mio lettone continuando un sogno appena iniziato o iniziandone uno nuovo. Ci siamo alzati verso le 9:00 sempre molto presto direi per essere una domenica, ma il mio fisico sentiva la voglia di godersi al meglio questa giornata, saziandosi di ogni attimo.
Dopo aver fatto la nostra abbondante colazione, che di solito sostituisce il pranzo domenicale, ognuno di noi è andato nelle proprie stanze, ahahahaha.
Io al computer tra una lavatrice e l'altra, Massy a sistemarsi tutto ciò che gli sarebbe servito stamani, rallentando ogni suo movimento al pensiero di dover ricominciare il tour che sa già lo scuoterà come una doccia fredda marmata!!!
Così si è svolta la nostra rilassante domenica, una pennichella verso le 18:00 una domanda improvvisata "Usciamo?" ma, ogni volta, nessuno di noi sembrava averne il desiderio, restando incollati saldamente a tanta pace e armonia tra le nostre 4 mura.
Sfogliando la rivista "Jamie Magazine" ho trovato questa ricettina per un aperitivino leggero: involtini di zucchine con mozzarella.
Questa rivista è stupenda, la sfogli e ti vien subito voglia di cucinare qualcosa, ogni piatto è un quadro e spesso la forza di Jamie è fare ricette facili e veloci. Così….mi son messa in cucina ed ho preparato il nostro aperitivo trasformandosi poi nella nostra effettiva cena.
Ingredienti: 
2 zucchine 
1 mozzarella
il succo di 1 limone
2 cucchiai di olio di oliva
1 spicchio d'aglio tritato
1 peperoncino rosso tritato
una manciata di foglie di menta
1/2 cucchiaino di sale


Procedimento:
Con un pelapatate affettate sottilmente le zucchine per lungo e disponetele in un piatto. Cospargetele con succo di limone, metà quantità di olio, peperoncino,  sale e aglio.Fate riposare per 10 minuti.
Tagliate la mozzarella a dadini e mettetene un pezzetto con una foglia di menta alla base di ogni fetta di zucchina arrotolandola successivamente su se stessa.
Condite con l'olio rimasto e servite.
Bon appètit!



LA POMAROLA …. #ORTOMIO #CONSERVARE #L'ESTATE




Le ferie son decisamente finite…per me, ma lo sono da lunedì scorso, quando tornando a casa vidi il mio orticello strabordante di verdure che mi stava aspettando!
E' stata una settimana intensa questa, fatta di fornelli accesi, marmellate, conserve, grappe, sottaceti, ma anche di coccole, pennichelle, cene e pranzetti con parenti e amici e, finalmente, missioni compiute!
Siamo tornati dal mare domenica, perché avevamo un impegno inderogabile lunedì mattina, poi definito mercoledì, da lì abbiamo tirato un sospiro di sollievo, perché qualcosa di importante è stato fatto e il nostro futuro sta iniziando a prender forma…
Vorrei festeggiare con un piatto che a me sta molto a cuore, un must delle mie estati, ma, mi sono accorta solo adesso, di non avergli mai dedicato l'attenzione meritata in questi 3 anni di blog così, oggi, vorrei rimediare con un post tutto suo… vi parlerò della "Pomarola" come la faccio io!
Un piatto così semplice che a volte oso dare per scontato, ahimè!
Alcuni giorni fa improvvisando un pranzetto con amici arrivati da Londra pensai di fare alcuni antipastini variegati e una pomarolina fresca fresca, ancor più amata e apprezzata da tutti coloro che abitano all'estero! 
Così è stato, sintonia e allegria ossigenavano la stanza, vino rosso della nostra cantina nei bicchieri, un'altalena di chiacchiere e risa, il tutto incorniciato da un piatto semplice, ma altrettanto prezioso…."Spaghetti alla Pomarola"!  
Ormai sapete quanto sia importante per me #conservare i prodotti che l'estate mi offre e devo dire che la mia Pomarola ha sempre un gran successo, forse perché i prodotti che uso sono davvero di stagione, maturando naturalmente mantengono le proprietà ed i sapori integri anche dopo la cottura, o forse perché uso più varietà di pomodori, non lo so, fatto sta che non possono mai mancare nella mia dispensa tanti barattolini per l'inverno. 
Quando le quantità son davvero troppe e il tempo limitato, spesso faccio metà quantità di pomarola cotta e metà quantità a crudo. 
Procedimento A CRUDO:
Pulite i pomodori e tagliateli a metà, metteteli nei vasi sterilizzati, aggiungete il basilico e un cucchiaino di sale grosso. Chiudete il tappo e sterilizzate in abbondante acqua per 40 minuti.
Al momento dell'utilizzo non farete altro che aprire il barattolo, toglier via la pelle, rosolare aglio e olio e versarvi i pomodori. Dieci minuti ed è pronta!

Qui di seguito invece vi scriverò la ricetta per la mia Pomarola cotta.
Ingredienti:
1kg di pomodori maturi (di vario tipo)
15 foglie di basilico
alcune foglie di prezzemolo (a piacere)
1 cucchiaino di sale grosso
mezza cipolla rossa
1 puntina di zucchero

Procedimento con Bimby:
Lavate i pomodori e metterli nel boccale.Cuocere per 30 minuti temp.Varoma vel.1, tenendo il misurino inclinato. Tritate il tutto a vel.7-8 per 10 sec.
Versate la salsa bollente nei vasi sterilizzati, chiudeteli e lasciateli raffreddare. Sterilizzate i barattoli in acqua per 30 minuti mettendo un canovaccio tra di loro in modo che non sbattino.
Se la farete senza Bimby basterà cuocere il tutto per 45 minuti e frullare con un minipimer.
Bon appètit!


martedì 26 agosto 2014

FLUFFOSA, PESCHE CARAMELLATE E SPEZIE… #IOMANGIOLAFLUFFOSA





State attenti voi altri che leggete…. l'Azzurra è tornata, più carica, più energica e più fantasiosa di prima!!!
Domenica notte partimmo dal mare, la terra in cui sono nata e che amo, nonostante tutti i suoi difetti, per tornarcene a casa dal mio gattino Gandhi e alle nostre vite frenetiche! Dico così perché se hai voglia di riposarti quella parte della Liguria al confine con la Francia, dove son cresciuta è il top. Popolata in maggioranza da anziani e bambini quest'anno ha stupito i nostri occhi, dopo 4 anni ormai che la snobbavamo, viaggiando qua e là, posso garantirvi che Arma di Taggia  è visibilmente migliorata,  avendo rinnovato tutta la passeggiata e portando quasi al termine la pista ciclabile, una pista lunghissima dove puoi noleggiare bici oppure correre oppure solo camminare tanto tanto!
Non abbiamo fatto nulla di tutto questo, perché, fondamentalmente, siamo pigri e i nostri fisici ci chiedevano riposo, relax, nessun tipo di impegno e quasi nessun tipo di contatto col mondo virtuale (questo vista la scarsa linea wi-fi free che mette a disposizione il comune ma solo dopo 2 ore ti butta fuori). 
Ne abbiamo approfittato per leggere, leggere tanto, da libri a riviste di cucina che avevo lasciato molto indietro, ma soprattutto chiacchierare, con tutte le persone vicine di ombrellone e amiche di infanzia con le quali, negli anni, abbiamo stretto forti amicizie e che da troppo tempo non vedevamo. 
Da quando ho aperto il mio blog sono attente lettrici, mi seguono, mi sostengono, volevano esser informate di tutti gli sviluppi e aggiornamenti così, c'era proprio tanto da chiacchierare!!
Vi dirò di più negli ultimi giorni insieme a me in spiaggia son venute anche le mie marmellate!!!
Che ridere, alcune amiche mi hanno chiesto se avessi portato qualcosa da assaggiare di tutto il ricco e variegato carnet delle mie conserve, così un giorno mi son presentata con la mia valigetta!!!
E' stata una vacanza da favola!
Al mattino ci alzavamo verso le 9:00, colazione, mare, bagnetto, quando il tempo era clemente, alcuni giorni abbiamo pranzato in spiaggia, altri giorni dai miei e il pomeriggio idem. Alcune sere siamo andati a cena fuori, altre abbiamo cenato in casa, passeggiatina lungo mare e verso le 23:30 a letto!!! Uhauuu quando siamo a casa nemmeno se ci violentiamo riusciamo a coricarci a quell'ora, ma non c'era molto da fare, quindi ci coccolavamo in quel dolce e sano riposo.
Quando ho varcato la soglia di casa, qui in Toscana ho sentito i miagolii dalle scale del mio gattino come se volesse dirmi "sono qui, sono qui, sei tornata finalmente?!?!?" poi si è stravaccato per terra "grugando" facendo le fusa e continuando a strusciarsi tra le mie gambe!!!
Mah….e poi dicono che i gatti non danno tanto come i cani!!!
Lo so che il mio Gandhi è speciale, sennò non sarebbe capitato nella nostra dimora!!! Ahahahahhahahahahh
Leggendo tutte quelle riviste di cucina non vedevo l'ora di tornare per cucinare, son pazza lo so, ma sabato mi scrisse la mia amica Maya per dirmi che sarebbero venuti a Firenze, lei, Jacopo e Momo lunedì o martedì, così abbiamo organizzato subito un pranzetto per il martedì, cioè oggi! 
Ho deciso di usare tutto ciò che il mio orticello mi ha lasciato in questa settimana, così ho preparato delle bruschette di pane con pomodorini, involtini di melanzane allo yogurt, fichi imbottiti, spaghetti con pomarola, visto che l'avevo fatta fresca fresca la scorsa settimana, per finire poi con una super Fluffosa che devo dire mi è venuta da fa.vo.la!!!!!!!!!!!
Mentre la facevo ieri sera, aggiungevo e sostituivo ingredienti per ottenere un risultato sorprendente, metà gliel'ho data a loro per la colazione di domani, non vi dico altro!!!Ahahhahahhah
Buona serata, vado ad allungare le gambe alla tv.
Chiffon Cake  "California Bakery" detta anche Fluffosa da noi Bloggalline 
Ingredienti:
300g di farina 00
300g di zucchero
7 uova
15g di lievito
2,5g di sale
300ml di acqua
125ml di olio di semi di girasole
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
la scorza grattugiata di 1 limone bio e il succo
2,5g di cremor tartaro
1 cucchiaio di cannella
Per la salsa:
250g di zucchero
140ml di succo di limone filtrato
100ml di acqua
Per pesche caramellate:
2 pesche sbucciate e private del nocciolo
50g di zucchero
metà bacca di vaniglia o 1/2 cucchiaino di estratto
1 cucchiaio di Vincotto Negramaro

Procedimento:
In una ciotola setacciate la farina e il lievito. Aggiungete lo zucchero, la cannella e il sale e mescolate. Dividete gli albumi e i tuorli in due ciotole. Ai tuorli aggiungete l'acqua, la scorza del limone grattata e l'olio e montate con una frusta a mano. Unite gli ingredienti secchi in 3 volte amalgamando bene il tutto.
Non montatelo troppo a lungo altrimenti gonfierà troppo in cottura.
Nella ciotola con gli albumi unite il succo del limone e il cremor tartaro e montate il tutto con fruste elettriche ottenendo una consistenza soda.
Unite gli albumi montati in 3 volte al composto coi tuorli con una spatola facendo movimenti dal basso verso l'alto evitando di smontare il tutto.
Se avete lo stampo da Chiffon Cake (Angel Food Cake) non importerà imburrarlo. Versate il composto e cuocete in forno preriscaldato a 160°C per 75 minuti. Quando sarà terminata la cottura, aspettate 5 minuti a forno spento, dopodichè capovolgete lo stampo (a questo servono i piedini) e lasciate riposare per 12 ore.
In un pentolino di acciaio a doppio fondo unite acqua, succo di limone, zenzero e zucchero cuocendo 10 minuti a fuoco vivace, appena arriverà a bollore abbassate la fiamma e continuate ancora 10 minuti o finchè non otterrete la consistenza di uno sciroppo.
Lavate le pesche e privatele della pelle e del nocciolo, tagliatele a spicchi di circa 2-3 cm e cuocetele in una padella con lo zucchero, la vaniglia e il Vincotto fino ad ottenere una sorta di caramello.
Guarnite la vostra Fluffosa e servite.
Bon appètit!

venerdì 15 agosto 2014

GAZPACHO AL CETRIOLO… #ORTOMIO




Di ritorno da una cenetta con amici vi auguro buone vacanze con questo fresco "Gazpacho di cetrioli" incrociando le dita, sperando che il caldo arrivi presto, per lo meno da domani visto che da oggi sono in vacanza….
Non pubblicherò per alcuni giorni, perché staccherò la spina per ripartire alla grande!!! Avevo voglia di lasciarvi con questo piatto fresco, velocissimo e facilissimo da fare. Ho trovato questa ricettina su "Sale&Pepe" ma…come il mio solito, ho apportato alcune modifiche…
Questo mio primo giorno di ferie è stato davvero di puro relax, raccogliendo un po' di frutta e verdura nel mio orticello, preparando la valigia, sonnecchiando tra divano e letto e preparando alcune foto da inviare in un posto speciale…un giorno magari ve ne parlerò, intanto vorrei augurarvi "BUONE VACANZE!!!" io ne ho proprio tanto bisogno!!!
Ingredienti:
5 cetrioli
1 cipolla 
1 lime
1 cucchiaino di sale fino
1/2 bicchiere di olio evo
una decina di foglie di menta
mezzo vasetto di panna acida
1/2 bicchiere di acqua fredda

Procedimento:
Togliete la buccia ai cetrioli e tagliateli a fette, spellate la cipolla e tagliatela. Mettete tutto in un robot (io Bimby: 20 sec. vel.8).
A poco a poco aggiungete l'olio, il sale, l'acqua, la panna e la menta amalgamando il tutto (Bimby: 10 sec. vel.4). 
Lasciate riposare in frigo 2-3 ore e guarnite con alcune fettine di cetriolo prima di servire.